Qual è la situazione attuale sull’integrale?


Con l’entrata in vigore del nuovo regolamento UE sull’etichettatura degli alimenti, che ha trovato applicazione in parte nel dicembre 2014 e il rimanente nel dicembre 2016, sono previste ulteriori informazioni da riportare negli alimenti in cui si dichiara la presenza di farine integrali.





Si chiede alle aziende che usano queste miscele speciali, di utilizzare farine che contengono o il derivato della macinazione del seme intero o un semilavorato in cui siano presenti in quantità proporzionali le tre frazioni della molitura del grano: FARINA, CRUSCA e GERME. Questa regola potrebbe valere per tutte le varietà di semi. Molti stati europei applicano già questa regola nella produzione di alimenti integrali, altri si stanno adeguando con normative interne a queste nuove disposizioni.


Cosa propone CerealVeneta? 

CerealVeneta propone sul mercato dei nuovi prodotti che soddisfano le esigenze del mercato attuale e futuro: 

1. Farina criomacinata 100% di grano tenero integrale*

2. Farina criomacinata 100% di grano tenero integrale stabilizzato*

3. Farina di grano tenero* tipo “0” 82% + crusca tal quale, stabilizzata o tostata 18 %

4. Farina di grano tenero* tipo “0” 80% + crusca tal quale, stabilizzata o tostata 18% + germe tal quale, stabilizzato o tostato 2%


*valore W a richiesta


Le varianti più importanti che riguardano questi prodotti sono la SHELF-LIFE e le modalità di conservazione, stoccaggio e utilizzo che variano in modo considerevole a seconda che vengano utilizzati componenti nativi o termo trattati (crusca e germe).


Questi semilavorati verranno prodotti utilizzando impianti nuovi qualificati per la miscelazione e l’omogeneizzazione delle componenti, consegnati in sacchi, big bag e cisterna.